Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Condividi

firenze5 marzo 2013 - Firmato un protocollo dalle istituzioni fiorentine che incentiva l’applicazione delle leggi sul lavoro di pubblica utilità. Presentato dal presidente del tribunale di Firenze Enrico Ognibene, dal prefetto Luigi Varratta, dal presidente della seconda corte di assise Fernando Prodomo e dal

rappresentante dell’ordine degli avvocati Sigfrido Fenyes, il protocollo prevede pena ridotta in cambio di ore di lavoro con gli anziani e i portatori di handicap per chi venga condannato perché guidava ubriaco o drogato, per reati legati alle scommesse clandestine o per alcuni di quelli di discriminazione razziale o religiosa. Per le violazioni del codice della strada, per esempio, la legge prevede che la pena o la multa possano essere sostituite dal lavoro di pubblica utilità, con vantaggio che possono andare dal dimezzamento del periodo di sospensione della patente all’estinzione del reato. “Dalla stipula del protocollo - ha ricordato il prefetto Varratta - con il provvedimento viene anche notificato al contravventore un avviso con cui lo si mette al corrente dell’opzione del lavoro di pubblica utilità”. Il protocollo - ce ne sono di simili a Milano e a Torino - prevede convenzioni soprattutto con misericordie e associazioni di volontariato che operano con gli anziani e i portatori di handicap, ma possono aggiungersi anche enti pubblici, da quelli statali ai Comuni.

Joomla templates by a4joomla